RSU Bacheca Sindacale

Visite: 1395

Scarica Modulo
Scheda Rilevamento Attività Docenti 

ANNO SCOLASTICO 2018/19

Comitato di valutazione

VALUTAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI REGOLE E PRINCIPI

 

Con l'introduzione della valutazione del merito, il MIUR innerva nel sistema scolastico la linfa positiva di un sistema che finalmente renda giustizia dell'impegno, della dedizione, della disponibilità e dei risultati conseguiti nella fatica della professione docente. Nello spaccato storico che la società italiana attraversa, con la crisi economica e il riverbero negativo nel trattamento del lavoro docente, il sistema di Valutazione del Merito rompe l'appiattimento di disistima che strangola il professionista dell'insegnamento, introducendo lo stimolo del riconoscimento del lavoro profuso e l'aspirazione al miglioramento costante.

Il coinvolgimento dell'utenza /stakeholders/, nelle figure degli studenti e dei genitori, genera un processo virtuoso di confronto tra le varie componenti della comunità scolastica, centrato sulla trasparente ostensione dello sforzo di programmazione, aggiornamento, sperimentazione e ricerca dei risultati speso nell'ombra della quotidiana fatica dell'insegnante.

Al centro della valutazione del lavoro docente è comunque lo stesso docente che, con un'apposita scheda, richiama i dati oggettivi del lavoro svolto nell'anno scolastico. Su di essa si innesteranno i format di gradimento compilati dagli studenti e dai genitori, che saranno chiamati a compilare un questionario online appositamente approntato. Questo materiale andrà ad informare la griglia di valutazione definitiva, la cui elaborazione spetta in via esclusiva al Dirigente Scolastico.

Il Comitato di Valutazione, con la componente dei Docenti, dei Genitori e degli Studenti, e la partecipazione a garanzia di un membro di Valutazione Esterno designato dall'Ambito Territoriale di Siracusa, definisce e delibera i criteri di valutazione e le schede relative. Di seguito si definiscono i campi salienti oggetto di valutazione.

 

AREE DI VALUTAZIONE:

-Qualità dell'insegnamento e contributo al miglioramento dell'istituzione scolastica, nonché del successo formativo e scolastico degli studenti

- Risultati ottenuti dal docente o dal gruppo di docenti in relazione al potenziamento delle competenze degli alunni e dell'innovazione didattica e metodologica, nonché della collaborazione alla ricerca didattica, alla documentazione e alla diffusione di buone pratiche didattiche

- Responsabilità assunte nel coordinamento organizzativo e didattico e nella formazione del personale

 

ASSENZE:

Viene escluso dalla valutazione positiva del merito, e dal relativo bonus, il docente che si è negativamente distinto per assenze prolungate o sistematiche che, ancorché giustificate e giuridicamente legittime, abbiano denotato scarso attaccamento alle responsabilità etiche della professione docente, incidendo negativamente sulla continuità didattica e gli esiti degli studenti. Le assenze determinate da conclamati motivi di salute o familiari non daranno luogo a valutazioni negative.

 

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI:

Viene escluso dalla valutazione positiva del merito, e dal relativo bonus, il docente che si è negativamente distinto per avere subito, nel corso dell'anno, provvedimenti disciplinari del Dirigente, con essi intendendosi: richiami verbali ripetuti, lettere riservate, avvertimenti scritti, censure, sospensioni dal lavoro e dallo stipendio. Vengono altresì esclusi quei docenti che abbiano subito provvedimenti più gravi comminati dall'Ufficio Scolastico Regionale.

 

DISPONIBILITÀ’ IN ORARIO EXTRACURRICOLARE:

Poiché per merito scolastico deve intendersi anche la disponibilità a fornire prestazioni che travalicano i doveri contrattuali, sono ammessi alla valutazione positiva del merito quei docenti che si sono particolarmente distinti per abnegazione, sollecitudine e sensibilità verso quelle attività didattiche, organizzative e di sistema, che nel corso dell'anno hanno richiesto dispendio di tempo e lavoro che abbia ecceduto gli impegni curricolari ed extracurricolari previsti nel Piano delle Attività e nel PTOF. Viene escluso dalla valutazione positiva del merito, e dal relativo bonus, il docente che si è negativamente distinto per sistematica indisponibilità ad assumere impegni didattici, organizzativi e di vigilanza degli alunni in orari che esulano la normale attività curricolare.

 

CAPACITA' DI RAPPORTI COSTRUTTIVI CON IL CONTESTO, LE FAMIGLIE, GLI ALUNNI:

La capacità di intessere rapporti positivi e fecondi con i soggetti istituzionali, sociali, economici e politici portatori di interessi; la disposizione a costruire relazioni costruttive con le famiglie, veicolando la mission e Io sforzo di miglioramento dell'azione didattica della scuola; l'attitudine a mantenere rapporti di fiducia e positività con le classi, senza i quali resta sbarrata ogni porta che conduce al successo scolastico; l'apertura a rapporti di cordialità e collaborazione con la dirigenza, i colleghi docenti, gli operatori della scuola, favorendo la crescita positiva del gruppo e il lavoro sinergico indispensabile ai fini del miglioramento dei processi della scuola: sono ammessi alla valutazione positiva del merito quei docenti che si sono particolarmente distinti nella cura delle relazioni positive, facendo crescere il senso dell'appartenenza comunitaria di tutti gli attori della scuola e il radicamento nel territorio. Viene escluso dalla valutazione positiva del merito, e dal relativo bonus, il docente che si è negativamente distinto per sistematica indisponibilità ad assumere ruoli positivi nelle dinamiche di gruppo dell'organizzazione e si sia caratterizzato per episodi che hanno innescato tensione nella comunità scolastica.

 

ESITI SCOLASTICI DEGLI ALUNNI:

Il lavoro didattico del docente si anima essenzialmente nel successo scolastico degli alunni. A questo si perviene anzitutto con il lavoro curricolare svolto nell'insegnamento delle discipline in classe e con la costruzione delle competenze derivante anche da attività di stage, alternanza scuola lavoro, certificazioni linguistiche e informatiche, cura delle eccellenze e recupero delle difficoltà. Cuore della valutazione del merito è perciò la capacità del docente di portare al successo gli alunni, in un'ottica che sappia valorizzare il percorso formativo seguendolo nell'intero suo tracciato. Strumenti di tale valutazione sono le prove INVALSI, i test di monitoraggio e gli esiti dello scrutinio finale. L'elaborazione dei dati relativi agli esiti viene affidata allo stesso docente attraverso apposita scheda di autovalutazione.

 

CORRETTEZZA NEI PROGRAMMI E NELLA DOCUMENTAZIONE

Sono ammessi alla valutazione positiva del merito quei docenti che si sono particolarmente distinti per Io svolgimento corretto del lavoro in classe, attuato nel rispetto della programmazione di classe e delle Indicazioni Nazionali. Sono altresì ammessi alla valutazione positiva quei docenti che hanno favorito il corretto svolgimento delle attività extracurricolari programmate. Costituisce infine fattore positivo di valutazione la puntualità e la correttezza nell'assolvimento degli obblighi burocratici connessi al lavoro docente, la tempestiva e trasparente rilevazione del lavoro di classe nel registro elettronico, la corretta compilazione della documentazione e il rispetto dei tempi di consegna.

 

ASSUNZIONI DI COMPITI E RESPONSABILI!A':

La complessità dell'organizzazione scolastica richiede un'ampia diffusione di compiti e responsabilità organizzative e gestionali. Oggetto di valutazione saranno: - La disponibilità ad assumere ruoli di responsabilità e gestione deiprocessi - La puntualità e la responsabilità nell'assolvimento degli stessi - La capacità di creare consenso e condivisione

 

DISPONIBILITÀ' ALL'AGGIORNAMENTO E ALLA FORMAZIONE:

I rapidi mutamenti legislativi del sistema scolastico sono il risultato del vivace dibattito pedagogico e metodologico che sta rinnovando la scuola italiana, esposta alla duplice sollecitazione della corsa irruente dell'innovazione tecnologica e del contesto europeo dei programmi comunitari. La disponibilità del docente alla formazione e all'aggiornamento risulta perciò strategica per il corretto inserimento della scuola nella corrente di cambiamento che attraversa il mondo e le scuole europee; risulta alla fine decisiva per il successo scolastico dei nostri studenti, chiamati a competere nel mondo delle difficili sfide contemporanee. Sono ammessi alla valutazione positiva del merito, e al relativo bonus, quei docenti che con passione e abnegazione hanno mostrato disponibilità e interesse per i corsi promossi dalla scuola, per quelli esterni sollecitati dalla dirigenza o dal collegio dei docenti, per quelli esterni autonomamente selezionati e autorizzati dalla presidenza.

 

APPORTO ALL'INNOVAZIONE E AL MIGLIORAMENTO

Con l'introduzione del Piano di Miglioramento, la scuola ha attivato processi di potenziamento che hanno avuto necessità di approcci didattici innovativi, sperimentazione di nuove metodologie, introduzione di nuove pratiche. I docenti che hanno dato disponibilità per tali innovazioni, si sono sottoposti a corsi di formazione, percorsi di aggiornamento, ricerca personale e di gruppo. Hanno dovuto spiegare il senso delle innovazioni alle classi e alle famiglie. Hanno seguito gli alunni in concorsi nazionali e internazionali, ottenendo spesso successi e riconoscimenti. Hanno introdotto discipline opzionali, arricchendo il curricolo dell'istituto. Altresì, si deve tenere conto della sperimentazione di nuove attività didattiche a carattere trasversale e pluridisciplinare, aperte all’attualità, nonché della traduzione nella pratica scolastica degli aggiornamenti acquisiti dai docenti. Saranno ammessi alla valutazione positiva del merito i docenti che si sono distinti nei processi indicati.

 

DISTRIBUZIONE DEL BONUS

La composizione articolata del personale docente in servizio nei tre plessi dell’Istituto (Licei Polivalente, Liceo Classico, Liceo Francofonte), impone un criterio di distribuzione equo della somma attribuita alla scuola per la valorizzazione del merito. Sulla base del punteggio acquisito nella scheda di valutazione compilata dal Dirigente Scolastico, accederà al bonus il personale che supererà il punteggio di 70/100.

 

 

IL COMITATO DI VALUTAZIONE

 

Dirigente scolastico (membro esterno) Prof. Mauro Mangano F.to Prof. Mauro Mangano

Prof. S. Pellico (docente) F.to Prof. S. Pellico

Prof. M. Cimino (docente) F.to Prof. M. Cimino

Prof. L. Zagami (docente) F.to Prof. L. Zagami

Dott. R. Benintende F.to Dott. R. Benintende

Sig. Davide Battiato F.to Sig. Davide Battiato

Dirigente scolastico Prof. Vincenzo Pappalardo F.to Prof. Vincenzo Pappalardo

 

Per visualizzare la scheda di Valutazione Docenti scarica l'allegato

Documenti Allegati
FileDescrizione
Scarica questo file (Scheda rilevamento attività docenti compilabile.doc)Scheda rilevamento attività docenti compilabile.docScheda rilevamento attività docenti - Modulo da compilare a cura dei Docenti
Scarica questo file (Valutazione del Merito Docenti - Indicatori utilizzati - 2019.pdf)Valutazione del Merito Docenti - Indicatori utilizzati - 2019.pdfVALUTAZIONE DEL MERITO DEI DOCENTI REGOLE E PRINCIPI

Torna all'inizio del contenuto