Rassegna Stampa

Visite: 334

Si è tenuto venerdì 29 Novembre presso l’Auditorium del Polivalente l’incontro-dibattitodi Educazione alla Legalità sul tema “Vivere bene rispettando la Legalità”.

 

Durante l’incontro (promosso dall’ANPS di Lentini, coordinato dal suo presidente Vincenzo Laezza e organizzato dalla prof.ssa Rita Privitelli, referente delle attività di educazione alla legalità, inserite nel PTOF di Istituto, in sinergia  con il nostro Dirigente Scolastico, prof. Vincenzo Pappalardo) sono intervenuti il dott. Marco Dell’Arte, vice-questore della Polizia di Stato  di Belluno,  il dott. Sebastiano Cassisi, comandante della Polstrada di Lentini, il dirigente del Commissariato di Lentini, dott. Andrea Monaco e lo scrittore Pino Vono, ospite d’onore dell’evento, che ha presentato il suo libro, “I Falchi nella Catania fuorilegge” (Mare Nostrum Edizioni).

 

Presenti il sindaco di Lentini, dott. Saverio Bosco, il sindaco di Carlentini, dott. Giuseppe Stefio, l’assessore alla Cultura di Francofonte, dott.ssa  Giusy Tuzza, i soci dell’Associazione Nazionale Polizia di Stato - sezione di Lentini - coordinati dal presidente Vincenzo Laezza, i vertici locali dei Carabinieri con il maresciallo Misentie della Guardia di Finanza, con il luogotenente Piero Risuglia, i familiari delle vittime di mafia e una rappresentanza numerosa della squadra dei “Falchi”.

 

A salutare e accogliere relatori e autorità il nostro Dirigente, in quale ha sottolineato la necessità dell’istituzione scolastica di formare le nuove generazioni al corretto vivere civile attraverso il valore della testimonianza. Il vice-questore Dell’Arte e il comandante della Polstrada Cassisi hanno poi ripercorso i momenti salienti dell’istituzione del gruppo speciale dei “Falchi”, costituito nel 1974 per volontà del questore Emanuele De Francesco. Si trattava di una sezione della Squadra Mobile preposta esclusivamente alla repressione dei crimini di strada, con lo specifico ruolo di pronto intervento e controllo del territorio. I “Falchi”, come vennero rinominati quasi subito, a Catania e dintorni divennero ben presto noti per il loro deciso modo di agire che non lasciava scampo ai malviventi.

 

Pino Vono è stato in squadra con i “Falchi” e ha dedicato la sua intera esistenza a combattere e reprimere la criminalità e l’illegalità. Nel suo libro di memorie ripercorre i difficili anni ’70 in una Catania dominata da una sempre più diffusa e aggressiva malavita. Impossibile dimenticare la terribile strage del casello di S. Gregorio, la mancata strage di via delle Olimpiadi e la morte violenta di Pippo Fava, giornalista ucciso il 5 Gennaio 1984 in via dello Stadio a Catania da Cosa Nostra.

 

A moderare l’incontro sono stati gli alunni Giulio Battiato (4C), Chiara Guarino (4M) e Silvia Chiarenza(4B). Durante il dibattito scaturito a seguito della testimonianza dell’ex-“falco” Pino Vono sono intervenute, ponendo domande all’autore, le alunne Roberta Stefio della classe 4C, Gaia Malerba, Giulia La Ferla, Miriam Rizzo ed Elena Sampugnaro della classe 4B.

 

Emozionante l’intermezzo musicale a cura di Simone Romano, ex-alunno del nostro Istituto, vincitore dell’edizione 2019 del “Cantagiro” con la canzone “I miei quadri”.

 

I Falchi 01  I Falchi 02

 

Torna all'inizio del contenuto